06062020Sab
Last updateVen, 05 Giu 2020 6am
>>

Operativa la prima inkjet extra large tutta italiana

Marco Baio ideatore della NoeCha1Scritto da Marco F. Picasso

Si chiama NoeCha1 ed è stata presentata venerdì 9 maggio: è una stampante di grande formato a letto piano inkjet UV con teste di stampa Kyocera, meccanica, elettronica e software tutti italiani.

Il primo sviluppo di questa macchina risale al 2009 quando fu presentata al Fespa dove ottenne l'Award per la migliore innovazione tecnologica. Si chiamava Vega e ne furono installate due in fase Beta presso stampatori in Germania. All'epoca la struttura era analoga ma l'elettronica non era italiana.

Nel 2011 la nuova società NoeCha ne acquisì la proprietà intellettuale e con un finanziamento da parte di 035 investimenti S.p.A., società fondata nel 2012 con l'obiettivo di contribuire al successo di aziende del nord Italia che abbiano progetti tecnologici che abbiano dimostrato la loro validità e serietà. Fino a oggi 035 investimenti ha finanziato tre società: MyFamily che realizza medagliette incise per cani e gatti e le relative macchine e PolyKeg che realizza contenitori in poliestere da plastica riciclata; ultima in ordine di tempo NoeCha, fondata da Marco Baio che vanta un'esperienza ventennale nel settore della stampa digitale di grande formato in diversi Paesi del mondo.

Obiettivo di NoeCha è quello di portare sul mercato un nuovo tipo di stampanti digitali inkjet per produzioni di livello industriale con tecnologia avanzata e affidabile, come dimostra la garanzia di 3 anni che dà alla propria NoeCha1, per i motivi che vedremo nel descriverne alcune particolari caratteristiche.

Nel nuovo stabilimento di Capriate San Gervasio (BG) dove sono anche gli uffici amministrativi e di vendita oltre ai laboratori di ricerca, la capacità costruttiva è di 100 macchine/anno destinate principalmente al mercato europeo.

La NoeCha1

Dotata di alcune caratteristiche innovative quali la modularità e soprattutto gli automatismi, la semplicità d'uso e la customizzazione completa che la rende una macchina adatta anche ad applicazioni industriali, NoeCha1 lavora con le nuove testine di stampa Kyocera 30 Hz realizzate secondo le specifiche richieste da NoeCha: risoluzione 600×600 dpi nativi in single pass, quattro livelli di scala di grigio, 2656 ugelli con goccia variabile da 3 a 14 pl in funzione del lavoro richiesto. Il sistema UV è basato su lampade a raffreddamento ad acqua senza necessità di impianti per l'estrazione dell'ozono.

Molto intuitiva l'interfaccia operativa gestita da un ampio schermo a sfioramento. Il software gestionale è realizzato in NoeCha con rip basato su Caldera GradRIP.

La macchina presentata, delle dimensioni di 610x400x220 (h) cm, lavora in ambiente chiuso a temperatura costante di 26°C.

La stampante è modulare con 5 possibili configurazioni e differenti velocità di stampa da 600×660 a 1200×2400 dpi. La qualità massima si ottiene a 120 mq/h e la velocità può crescere fino a 600 mq/h.

Il concetto di modularità della NoeCha1

Oltre ai colori di quadricromia sono disponibili gli inchiostri opzionali bianco, vernice e colori spot (violetto, verde e arancio). La formulazione degli inchiostri, ad ampio gamut, bassa viscosità e corretta tensione superficiale, così come la loro erogazione, sono proprietà intellettuale di NoeCha e sono prodotti presso l'azienda belga Magenta Vision.

Dopo i problemi riscontrati nella versione Beta, l'elettronica è stata completamente sostituita ed è oggi proprietaria basata sulla tecnologia FPGA con processori 2 ARM.

Tra le peculiarità principali della macchina, è infatti l'avere sviluppato internamente sia l'elettronica sia il software di controllo delle teste di stampa, mentre normalmente sulle altre macchine, così come fu nella versione Beta, sono inseriti prodotti standard presenti sul mercato.

Un'altra peculiarità che distingue NoeCha1 da ogni stampante analoga presente sul mercato è l'utilizzo di tubi di teflon anziché di nylon per l'erogazione dell'inchiostro. Inoltre, il filtro sugli ugelli, normalmente di gomma, è stato sostituito da un filtro appositamente progettato e costruito in acciaio inox speciale. Queste due peculiarità permettono a NoeCha di garantire la macchina per 3 anni. Per ottenere sempre il massimo delle prestazioni a livello di qualità e economicità operativa, è suggerita una manutenzione a livello di "tagliando" che il cliente può effettuare da solo, preferibilmente a cadenza semestrale.

Il mercato

Le prove di stampa realizzate nel corso della presentazione su pannelli in forex risultano di alta qualità, anche secondo il parere dei diversi stampatori presenti, e con elevata definizione del carattere anche di corpo molto piccolo, ideale quindi anche per espositori sul punto vendita.

I mercati specifici cui la macchina è destinata sono quello tradizionale del grande formato quali cartellonistica, decorazione di interni, poster e display. Con apposita configurazione customizzata la NoeCha1 è prevista per applicazioni industriali, come la stampa di pannelli di legno per mobili, ceramica, vetro e altri supporti per pavimenti, arredo e altro, superando quindi lo spessore massimo consentito nelle configurazioni standard che è di 12,5 cm e il formato massimo di 320×200 cm. Il costo medio del consumo d'inchiostro è di 0,50 € per metro quadro.

www.metaprintart.info

comments

Related articles

  • Latest Post

  • Most Read

  • Twitter

Who's Online

Abbiamo 2518 visitatori e un utente online

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.