08132022Sab
Last updateGio, 11 Ago 2022 8am
>>

CERM: La completa indipendenza offre un grande potenziale

In seguito al management buyout (MBO) di Heidelberg all'inizio di agosto, il CERM ha accelerato notevolmente la sua struttura decisionale. Di conseguenza, il produttore del noto Management Information System (MIS) e i suoi partner continuano ad offrire soluzioni specifiche per l'automazione degli impianti di stampa in tutto il mondo. Di Sabine Slaughter

Quando gli stampatori parlano di comunicazione senza soluzione di continuità in tutti i settori, non parlano solo del flusso di lavoro dei singoli lavori, ma in particolare della raccolta di dati - dalla creazione di un calcolo, un preventivo, un'offerta, un ordine, dati di produzione e di performance fino all'immagazzinamento, alla spedizione e alla fatturazione, così come lo stoccaggio dei supporti, gli incarichi di lavoro e molto altro ancora. Questi vengono solitamente raccolti, compilati e resi disponibili da un sistema informativo gestionale (MIS). Nella maggior parte dei casi, i MIS lavorano con vari programmi di workflow per ottenere il massimo in termini di potenziale di risparmio e di cooperazione tra le varie soluzioni, le macchine per la stampa e il miglioramento e le operazioni di finitura.
Il CERM MIS, che copre non solo il settore dell'etichettatura e dell'imballaggio, ma viene utilizzato anche nella stampa commerciale, comprende un totale di otto moduli principali che possono essere implementati in base alle esigenze del cliente. In passato, sono già state stabilite partnership con quasi tutti i produttori di hardware e software più noti per garantire un'integrazione e una raccolta dati senza problemi.
In tempi di SARS-COV 2, l'automazione e il buon funzionamento nelle aziende non è solo un must, ma contribuisce anche alla competitività. L'accesso remoto alle funzioni e ai risultati essenziali sta diventando sempre più importante. Le fabbriche intelligenti hanno bisogno di un potente MIS per mantenere le operazioni in funzione e per aumentare la situazione degli ordini, il fatturato e la comunicazione e per mostrare potenziali risparmi.
Con il management buy-out di Heidelberger Druckmaschinen, al CERM sono cambiate molte cose. "Ora siamo completamente indipendenti", dice Peter Dhondt, Global Head Business Development and Sales. "I canali decisionali sono molto più brevi. Mentre prima non eravamo neutrali come azienda di Heidelberg, ora possiamo agire come richiede il mercato".
Questa è "un'evoluzione positiva" e in futuro aprirà ancora più mercati per il CERM, ampliando e semplificando le opportunità di business. "CERM opera nel settore delle etichette e dell'imballaggio flessibile. Ci sono già installazioni in 45 paesi, di cui circa 300 implementate nel campo delle etichette e dell'imballaggio flessibile", dice Peter Dhondt. "Il mercato potenziale è molto ampio ed espansivo, soprattutto perché molte aziende hanno iniziato a muoversi verso le fabbriche intelligenti solo negli ultimi anni, al più tardi a partire da COVID-19". Naturalmente anche le macchine da stampa digitali, che operano in ambienti di lavoro ibridi insieme alle macchine da stampa analogiche, giocano un ruolo importante in questo settore.
"La nostra completa indipendenza significa anche che serviamo il settore delle etichette e dell'imballaggio flessibile direttamente e attraverso i distributori. Heidelberg ha rilevato la divisione di stampa commerciale come distributore", dice Peter Dhondt. Il CERM MIS è già abbastanza diffuso in Europa, negli USA e in Australia.
Quanto più digitale diventa una tipografia, tanto più deve e deve sfruttare le possibilità di un MIS in modo da poter identificare i colli di bottiglia e sfruttare le efficienze. Naturalmente, la maggior parte delle macchine da stampa delle generazioni attuali, così come la maggior parte delle ultime, possono già generare dati ed essere affrontate in modo digitale. Tuttavia, non serve a nulla se questi si disperdono nell'aria, perché non esiste un sistema che li raccolga e poi li visualizzi in modo che l'imprenditore possa comprenderli. La visione d'insieme dell'azienda è importante quanto la panoramica delle singole macchine o aree.
"Vendiamo e supportiamo direttamente in tutto il mondo, perché i nostri sistemi non necessitano di molta manutenzione locale: abbiamo costruito la nostra WAN per supportare i nostri clienti in tutto il mondo e per collegarli in modo sicuro a quegli elementi che si trovano nel cloud. Ma stiamo cercando distributori che vorrebbero vendere e supportare il nostro software in paesi in cui abbiamo una barriera linguistica. Abbiamo già distributori in alcuni paesi. Questo ci ha aiutato molto durante il periodo di blocco e anche attualmente con l'attuale restrizioni di viaggio ", spiega Peter Dhondt. "Per noi è importante che i nostri distributori siano consapevoli che non stanno vendendo una scatola con un programma. Il nostro MIS è un'entità che cresce con la tipografia e richiede anche supporto post-vendita e dovrebbe essere continuamente adattato ai desideri e ai requisiti del cliente. Per questo motivo offriamo anche consulenza - insieme ai nostri distributori. Questa offerta è accettata volentieri dalle aziende, perché la visione del tunnel a volte derivante dagli addetti ai lavori può essere riscossa da consulenti esterni sull'operazione complessiva e sulle prospettive future. academy offre ulteriori corsi completi a tal fine, che trattano specificamente degli otto moduli principali e forniscono una formazione completa ". CERM offre anche webinar e sessioni web aggiuntivi insieme ai suoi partner di vendita, poiché le suddette restrizioni di viaggio dovute a SARS-COV 2 e la conseguente malattia Covid-19 limitano gravemente la presenza personale.
"Tutto sommato, molto è cambiato per noi in termini di processo decisionale e distribuzione. Ora siamo completamente indipendenti. La nostra strategia e il nostro impegno a fornire agli stampatori i migliori strumenti e analisi per aiutarli a diventare intelligenti fabbrica è rimasta la stessa o è diventata ancora più forte. Le nostre soluzioni e strumenti sono progettati per espandere le capacità degli stampatori, creare potenziali di risparmio e garantire flussi di lavoro fluidi e comunicazioni tra tutti coloro che sono coinvolti nella produzione (sia uomo che macchina) ", conclude Peter Dhondt .

 

comments
  • Latest Post

  • Most Read

  • Twitter

Who's Online

Abbiamo 8396 visitatori e nessun utente online

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.